Archivi tag: Adam Hall

Elleston Trevor, Adam Hall e altri pseudonimi

hall-1Trevor Dudley-Smith fece un ampio uso di pseudonimi nella sua carriera di scrittore e cambiò anche all’anagrafe il suo nome con uno di questi, Elleston Trevor. Oltre che con questo e con il suo nome originario, firmò libri come Mansell Black, Trevor Burgess, Roger Fitzalan, Adam Hall, Simon Rattray, Warwick Scott, Caesar Smith, Howard North, Jack Tango (*).

(*) Si può vedere una bibliografia qui: http://www.quiller.net/trevor/bibliography.html o sulla pagina della Wikipedia in inglese: http://en.wikipedia.org/wiki/Elleston_Trevor

Nella quarta di copertina di un’edizione italiana di un suo libro (Operazione Phönix, Milano : Feltrinelli, 1965), si dice che il vero nome dell’autore, che in quel libro ha usato lo pseudonimo Adam Hall, sarebbe Jonquil Trevor, nome che figura anche, nella pagina precedente il frontespizio, come detentore del copyright dell’opera. Jonquil Trevor, però, è in realtà la moglie dello scrittore, che fu anche il suo agente letterario (*).

(*) Si veda, per esempio, la scheda sui documenti dei coniugi Trevor (Elleston and Jonquil Trevor papers) conservati all’Arizona State University: http://library.lib.asu.edu/record=b2405187

hall-4

I nomi che l’autore usò più frequentemente per i suoi libri sono Elleston Trevor e Adam Hall, che, stando alla bibliografia rintracciata (vedi nota sopra), hanno oltre venti titoli per ciascuno. Tutti gli altri nomi usati dall’autore, compreso il suo nome originale Trevor Dudley-Smith, sono stati usati per un numero molto minore di libri, in qualche caso per uno solo. Alcuni sono stati in seguito ripubblicati come Elleston Trevor e Adam Hall. La scelta per l’intestazione dovrà dunque certamente cadere su uno di questi due.

Queen in danger, pubblicato con il nome Simon Rattray e poi come Adam Hall (immagini da qui)

Queen in danger, pubblicato con il nome Simon Rattray e poi come Adam Hall (immagini da qui)

Per quanto riguarda il numero di titoli pubblicati con i due nomi, prevale Elleston Trevor, anche se la differenza è limitata. Elleston Trevor, come detto sopra, è diventato anche il nome anagrafico dell’autore. Sembra quindi corretta la scelta della British Library, del Copac e di altri cataloghi europei di assumere come intestazione “Trevor, Elleston”.

Nei cataloghi italiani che è stato possibile raggiungere con l’opac del Sbn e il metaopac Mai si trovano diversi libri di questo autore, alcuni pubblicati come Elleston Trevor, altri come Adam Hall e uno come Simon Rattray (*). In quasi tutti i casi, ogni libro ha come intestazione il nome che compare sul libro e quindi i libri con firma diversa, pur se dello stesso autore, finiscono sotto intestazioni separate e non sotto la medesima, come sarebbe corretto. Fa eccezione la catalogazione di Matto al re in 16 mosse nel catalogo del polo bolognese del Sbn e in quello del Sistema documentale provinciale livornese: il libro, pubblicato con il nome Adam Hall, ha come intestazione “Trevor, Elleston”. Chi l’ha catalogato, dunque, aveva correttamente colto che Hall e Trevor sono due nomi dello stesso autore. Negli stessi due cataloghi, però, gli altri libri usciti col nome Adam Hall sono sotto l’intestazione “Hall, Adam”.

(*) Scacco matto (Knight sinister), contenuto in Un magnifico imbroglio di William Pearson (Roma : Gialli del secolo, 1956), presente nel catalogo della Rete bibliotecaria di Romagna e San Marino.

Sarebbe ovviamente auspicabile che tutti questi libri pubblicati con i nomi Adam Hall, Elleston Trevor e Simon Rattray, essendo opera di uno stesso autore, fossero portati sotto un’unica intestazione (*).

(*) Per completezza, si segnala che nell’opac del Sbn c’è anche da correggere un’intestazione “Trevor, Ellenston”, con una N aggiunta erroneamente nel nome.