Appunti sulla traslitterazione dal cirillico

Per la trascrizione dei dati catalografici in russo, le regole italiane di catalogazione fanno riferimento alla traslitterazione secondo lo standard ISO 9. Quando furono pubblicate le Rica la versione dell’ISO 9 in vigore era quella del 1968. Le nuove regole di catalogazione (Reicat, del 2009) hanno preferito confermare il riferimento a tale versione, suggerendo di fare un rinvio dalla traslitterazione con la versione più recente quando comprenda caratteri che vengono resi in modo differente, ovvero, per quanto riguarda l’alfabeto russo oggi in uso (ad esso mi riferirò in tutto questo articolo), le tre lettere cirilliche che nella versione del 1968 erano trascritte con due lettere dell’alfabeto latino, щ (šč), ю (ju), я (ja), e che ora sono rese anch’esse con un singolo carattere, rispettivamente ŝ, û, â.

Questa corrispondenza tra una lettera cirillica e uno e un solo carattere nella traslitterazione sarebbe ovviamente un vantaggio (p.e. per eventuali passaggi automatici da un alfabeto all’altro). Bisognerebbe però pensare a che fare con quanto è stato inserito in catalogo seguendo le prescrizioni della precedente versione. Inoltre, e direi anzi soprattutto, le pubblicazioni in lingua italiana continuano comunque a usare per nomi e parole russe la cosiddetta traslitterazione scientifica, che coincide con l’ISO 9 del 1968 fatta eccezione per la x cirillica che è resa nella prima con ch e nel secondo con la sola h. Già questo può creare qualche perplessità al lettore che troverà, per esempio, Чехов traslitterato Čechov sui libri, ma Čehov (vedi sotto per il segno diacritico) nei cataloghi (sarebbe auspicabile, in questi casi, il rinvio dal nome nella traslitterazione scientifica). Come le pubblicazioni non hanno mai adottato la sola h per traslitterare la x cirillica, allo stesso modo non hanno adottato la nuova traslitterazione delle tre lettere sopra ricordate e quindi continuiamo a trovare, per esempio, Замятин traslitterato Zamjatin e non Zamâtin. L’adozione della nuova versione porterebbe quindi a un ulteriore distacco dall’uso nelle pubblicazioni.

La scelta delle Reicat di non adottare, se non nelle forme usate come rinvio, le tre lettere indicate appare quindi ragionevole. Si potrebbe anzi dire che, a questo punto, si poteva anche pensare di abbandonare il riferimento all’ISO 9, standard solo sulla carta, e proporre come riferimento lo standard di fatto, ovvero la traslitterazione scientifica, eliminando così la differenza tra pubblicazioni e cataloghi (che, come detto, per il russo attuale si riduce alla diversa traslitterazione della x cirillica).

In altri paesi (per esempio in Francia e in Polonia), invece, la nuova versione è stata adottata. La traslitterazione sarà dunque diversa, per le tre lettere citate, da quella in uso dove si è rimasti alla precedente versione. Va poi ricordato che nei paesi di lingua inglese non si usa né la vecchia né la nuova versione, ma un diverso sistema di traslitterazione (ALA-LC).

La traslitterazione prescritta da Rica e Reicat fa uso di segni diacritici. Sia le Rica che le Reicat riportano regolarmente le lettere con i segni diacritici nelle tabelle in appendice e non dicono che possono/devono essere omessi. Le Reicat hanno degli esempi con lettere con segni diacritici, come si può vedere al numero 15.1.3.2.A. (p.419) con “Čajkovskij, Petr Il’ič” e “Solženicyn, Aleksandr”.
Nei cataloghi italiani, però, vengono frequentemente omessi. Così la z viene usata per la з, ma anche per la ж (che dovrebbe essere traslitterata come ž), la c sia per la ц che per la ч (č), la s sia per la с che per la ш (š). Non c’è bisogno di dire che sarebbe invece bene metterli, purché il programma li ordini alfabeticamente e li visualizzi in maniera corretta e non come punti di domanda (come nell’esempio qui sotto di un catalogo interrogato tramite KVK) o altri segni strani.
L’opac di SBN ha i segni diacritici (anche se non sull’intero catalogo) e li visualizza correttamente.

Seguendo le tabelle nelle appendici di Rica e Reicat, si dovrebbe riuscire a traslitterare correttamente, ma ci sono in effetti alcune lettere che potrebbero trarre in inganno chi non ha dimestichezza con l’alfabeto cirillico.

La lettera Ы (due segni staccati, ma è una sola lettera, traslitterata con y) appare alla vista uguale alle due lettere Ь e І messe una dopo l’altra. Per questo talvolta nei cataloghi la si vede traslitterata come ‘i invece che con la corretta y. In ogni caso, la I cirillica è stata abolita dalla riforma ortografica post-rivoluzione e quindi chi traslittera da pubblicazioni più recenti, anche non conoscendo la parola e pure se non conosce affatto il russo, può ritenersi al sicuro traslitterando con y.
Per esempio (caso tratto dall’opac del Sbn che contiene sia la forma corretta che quella errata qui sotto presentate):
Пелагия и белЫй бульдог = Pelagija i belyj bul’dog
(e non: белЬІй = belij)

Sono graficamente simili, ma caratteri distinti, ь (“segno molle”, traslitterato con un apostrofo) da ъ (“segno duro”,  traslitterato con un doppio apostrofo).
Per esempio:
Смерть на Ниле = Smert na Nile
ma: Замена объекта = Zamena obekta (e non obekta)

Visto che si parla di lettere che si assomigliano, aggiungiamo che la ш (š) è simile alla щ (šč).

Talvolta nei cataloghi italiani le lettere che dovrebbero comparire con un segno diacritico sono, invece, seguite da una h (ch invece č che per la ч, sh invece che š per la ш, ecc.) e le lettere й, ю, я sono traslitterate y, yu, ya invece che j, ju, ja. Queste traslitterazioni sono quelle previste dalla traslitterazione anglosassone e sono comuni anche sui giornali italiani per uomini politici, sportivi e altri personaggi delle cronache, ma non sono quelle prescritte per la catalogazione in Italia.
Tre esempi raccolti dall’opac del Sbn:
Kod da Vinchi (ma è: Vinči)
Shopogolik i bebi (ma è: Šopogolik)
Dlya golosa (ma è: Dlja golosa)

Nelle pubblicazioni di opere russe in traduzione italiana, il titolo originale è indicato in genere traslitterato in caratteri latini edi norma viene usata la traslitterazione scientifica. Come si è detto, questa corrisponde alla traslitterazione prescritta dalle regole italiane di catalogazione fatta eccezione per la x cirillica, resa con ch nella traslitterazione scientifica e con la sola h nella versione dell’ISO 9 usata nelle biblioteche. Di questo bisogna tenere conto quando si trascrive il titolo originale. Per esempio nell’edizione italiana del libro di B. Akunin Pelagija e il gallo rosso il titolo originale è presentato come Pelagija i krasnij petuch, ma va trascritto (correggo anche l’errore di traslitterazione y/i) Pelagija i krasnyj petuh.

Molti cataloghi assegnano un’intestazione anche al traduttore dell’opera. Il russo è una lingua con le declinazioni. Dunque, il nome del traduttore può presentarsi al genitivo (ma a volte è indicato al nominativo). Ovviamente nell’intestazione il nome del traduttore dovrà essere sempre al nominativo. Vediamo qualche esempio:

  • перевод с итальянского Ольги Уваровой = perevod s ital’janskogo Ol’gi Uvarovoj = traduzione dall’italiano di Ol’ga Uvarova (Ol’gi Uvarovoj è il genitivo di Ol’ga Uvarova)
    intestazione: Uvarova, Ol’ga
  •  перевод с английского С. Саксина = perevod s anglijskogo S. Saksina = traduzione dall’inglese di S. Saksin (Saksina è il genitivo del cognome Saksin)
    intestazione: Saksin, Sergej
  • И. Стреблова перевод = I. Streblova perevod = traduzione: I. Streblova (Streblova è nominativo)
    intestazione: Streblova, Inna
    (come si vede dagli esempi qui sopra, nei cognomi che al nominativo maschile terminano in -ов (-ov) e -ин (-in), molto diffusi, il nominativo femminile è uguale al genitivo maschile, avendo entrambi la desinenza -a)
  • перевод с английского С. Алукард = perevod s anglijskogo S. Alukard = traduzione dall’inglese di S. Alukard
    intestazione: Alukard, Sjuzanna
    (ovviamente Alukard – ovvero Drakula scritto al contrario – è uno pseudonimo. Il vero nome della traduttrice è Marija Jur’evna Blinova (da nubile) o Pavlova (da sposata), ma non ho trovato opere pubblicate col nome vero. Nel catalogo della Biblioteca statale russa c’è una Marija Jur’evna Pavlova, ma mi sembra si possa escludere che sia la stessa persona)

Come si vede negli esempi qui sopra, i traduttori possono comparire nel libro con il cognome preceduto dalla sola iniziale del nome. La Biblioteca statale russa non mette le intestazioni per i traduttori. Per rintracciare i nomi interi ho trovato invece utile la ricerca su Ozon.ru, una sorta di Amazon russo. Il nome del traduttore è preceduto dalla parola Переводчик (che significa appunto “traduttore”). Per immettere nella casella di ricerca i caratteri cirillici Ozon.ru mette a disposizione una tastiera virtuale che si apre cliccando su un’immagine stilizzata di tastiera presente all’estremità destra della casella. Per chi non ha dimestichezza con la disposizione delle lettere sulla tastiera cirillica può comunque essere più comodo trovare le lettere nella normale sequenza alfabetica nelle tabelle dei caratteri di un programma di scrittura, scrivere con quello e poi fare “copia-incolla”. In rete si possono anche trovare traslitteratori automatici, ma si deve ovviamente fare attenzione al sistema di traslitterazione usato (p.e. su translit.cc è possibile avere la traslitterazione secondo l’ISO 9 nella versione più recente).

* * *

Qui sotto, alcuni esempi (sono i libri in russo arrivati di recente nella mia biblioteca) con l’area 1 in cirillico, la traslitterazione e le intestazioni per autori, traduttori e illustratori.

Как велит Бог / Никколо Амманити ; перевод с итальянского Ольги Уваровой
Kak velit Bog / Nikkolo Ammaniti ; perevod s ital’janskogo Ol’gi Uvarovoj
– Ammaniti, Niccolò
– Uvarova, Ol’ga

И пришел наук / Джеймс Паттерсон ; [перевод с английского С. Алукард]
I prišel nauk / Džejms Patterson ; [perevod s anglijskogo S. Alukard]
– Patterson, James
– Alukard, Sjuzanna

Бриллианты для невесты / Лорен Вайсбергер ; [перевод с английского Е.В. Дод]
Brillianty dlja nevesty / Loren Vajsberger ; [perevod s anglijskogo E.V. Dod]
– Weisberger, Lauren
– Dod, Elena Vladimirovna

Танцор у гроба / Джеффри Дивер ; [перевод с английского С. Саксина]
Tancor u groba / Džeffri Diver ; [perevod s anglijskogo S. Saksina]
– Deaver, Jeffery
– Saksin, Sergej

Хроники мертвых / Гленн Купер ; [перевод с английского Е. А. Гематудиновой]
Hroniki mertvyh / Glenn Kuper ; [perevod s anglijskogo E. A. Gematudinovoj]
– Cooper, Glenn
– Gematudinova, E. A.

Тайный мир шопоголика / Софи Кинселла ; [перевод с английского Анастасии Корчагиной]
Tajnyj mir šopogolika / Sofi Kinsella ; [perevod s anglijskogo Anastasii Korčaginoj]
– Kinsella, Sophie (o “Wickham, Madeleine”, se si vuole privilegiare il vero nome, anch’esso usato dall’autrice, come fa la Rete Bibliotecaria Bresciana)
– Korčagina, Anastasija

Замена объекта / Александра Маринина
Zamena ob”ekta / Aleksandra Marinina
– Marinina, Aleksandra

Смерть на Ниле / Агата Кристи ; [Харитонов В. перевод]
Smert’ na Nile / Agata Kristi ; [Haritonov V. perevod]
– Christie, Agatha
– Haritonov, Vladimir

Смерть лорда Еджвера / Агата Кристи ; [Бураковская А. перевод]
Smert’ lorda Edžvera / Agata Kristi ; [Burakovskaja A. perevod]
– Christie, Agatha
– Burakovskaja, A.

Цифровая крепость / Дэн Браун ; [перевод с английского А. А. Файнгара]
Cifrovaja krepost’ / Den Braun ; [perevod s anglijskogo A. A. Fajngara]
– Brown, Dan
– Fajngar, Aleksej Aleksandrovic

Утраченный символ / Дэн Браун ; [перевод с английского Е. Романовой и М. Десятовой]
Utračennyj simvol / Den Braun ; [perevod s anglijskogo E. Romanovoj i M. Desjatovoj]
– Brown, Dan
– Romanova, E.
– Desjatova, Marija

Алиса в стране чудес / Льюис Керролл ; иллюстрации Александра Шахгелдяна ; пер. с англ. А. Рождественской]
Alisa v strane čudes / L’juis Kerroll ; illjustracii Aleksandra Šahgeldjana ; [per. s angl. A. Roždestvenskoj]
– Carroll, Lewis (secondo le Reicat – “Dodgson, Charles Lutwidge” secondo le Rica)
– Šahgeldjan, Aleksandr
– Roždestvenskaja, A.

Монстры против пришельцев / [перевод Елены Познанской]
Monstry protiv prišel’cev / [perevod Eleny Poznanskoj]
– Hamashima, Lawrence
– Primeau, Chuck
– Poznanskaja, Elena
Nota: Disegni di Lawrence Hamashima ; colore di Chuck Primeau.
(Le formulazioni di responsabilità indicate in nota sono tratte dall’edizione italiana Mostri contro alieni : la storia con le immagini del film, Milano : A. Mondadori, 2009).

Девушка с татуировкой дракона / Стиг Ларссон ; [перевод А. Савицкая]
Devuška s tatuirovkoj drakona / Stig Larsson ; [perevod A. Savickaja]
– Larsson, Stieg
– Savickaja, Anna

Девушка, которая играла с огнем / Стиг Ларссон ; [И. Стреблова перевод]
Devuška, kotoraja igrala s ognem / Stig Larsson ; [I. Streblova perevod]
– Larsson, Stieg
– Streblova, Inna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...